cONTRADA mADONNA DI vALVERDE


 

 

terziere della valle 

 

colori:  rosso e blu

 

 

capitano:  fattori federico



L’antichissima chiesa di Santa Maria di Valverde posta fuori delle mura castellane, nella contrada omonima, è stata riaperta nel 2004 dopo che sono stati eseguiti importanti lavori di consolidamento e restauro.  Le prime notizie storiche sulla chiesa risalgono al 1268, allorché nel convento annesso alla chiesa, si stabilirono alcuni religiosi provenienti da un convento delle Fiandre, nei pressi dì Bruxelles, dell’Ordine dei Fratelli di Maria in Valle Viridis. Nel 1378 la chiesa e l’annesso convento passarono ai monaci benedettini di Sassovivo che vi dimorarono sino al 1437. Successivamente il tempio passò sotto la giurisdizione vescovile e nel 1451 Bartolomeo Vitelleschi assegnò l’amministrazione del complesso ai vicari di San Fortunato, i quali abitarono il convento sino al 1502. All’interno vi è conservata l’immagine della Madonna Nera, venerata come Patrona di Tarquinia, che secondo la tradizione venne portata a Corneto (l’odierna Tarquinia) nel 1189 da un cavaliere della Terza Crociata di ritorno dalla Terra Santa.